Zürcher Leu
Liceo Artistico
Kantonsschule Freudenberg Zürich
Liceo Artistico
Schweizerisch-italienisches Kunstgymnasium

Parkring 30
8027 Zürich
044 202 80 40
sekretariat@liceo.ch

Orari di apertura della segreteria
dal lunedì al venerdì:
dalle ore 07.30 alle 12.00
Lunedì, martedì, venerdì:
dalle ore 14.00 alle 16.30
Chiusa il pomeriggio di mercoledì e di giovedì

Plastiche

Professoressa Greta Biagini

Professoressa Viviana Russo

 

Il corso di Discipline Plastiche ha come obiettivo l’educazione degli allievi al linguaggio tridimensionale. I ragazzi sperimentano, attraverso il lavoro di laboratorio, l’interazione di piani, volumi e superfici nello spazio dando forma concreta ed estetica all’immaterialita’ del pensiero creativo.

In questa disciplina si fa uso principalmente della creta di Faenza anche se, nel corso dei cinque anni, gli allievi usano e imparano a conoscere diversi tipi di argille, realizzano calchi e lavori in gesso, producono sculture in fil di ferro autoportanti, sperimentano le tecniche della cartapesta e assemblano diversi materiali; inoltre al termine di ogni lavoro, varie patinature e alcune tecniche di colorazione ceramica, sono previste come finitura.

Nessuna tecnica o idea di realizzazione viene sottovalutata nella sua potenzialità espressiva: noi insegnanti ci impegnamo a stimolare diverse esperienze artistiche. Sperimentiamo costantemente nuove tecniche e provvediamo all’attrezzatura per realizzarle, collaboriamo con laboratori italiani presenti nelle varie realtà territoriali durante le settimane di studio. Tra le varie esperienze artistiche durante i viaggi in Italia, per citarne solo alcune, ci dedichiamo alla lavorazione del marmo e della pietra, alla ceramica raku e quella tradizionale.

Gli insegnanti italiani delle materie artistiche  hanno l’importante e difficile compito di introdurre tutti gli allievi del primo anno alla pratica e alla conoscenza delle discipline fondamentali del Liceo Artistico (Plastiche, Pittoriche, Geometriche). In questo percorso le Discipline Plastiche, essendo spesso una novità, possono intimidire tanto quanto dover affrontare le lezioni in una lingua straniera. Al fine di superare queste difficoltà, gli allievi sono da noi accolti e motivati attraverso temi di lavoro stimolanti che propongono difficoltà sempre crescenti nel corso dei cinque anni.

Nel nostro laboratorio l’ideazione e l’elaborazione di un lavoro inizia attraverso sistemi di studio come il disegno plastico e la fotografia. Questi hanno una particolare rilevanza non solo come strumenti di rappresentazione ma  soprattutto come strumenti concettuali di conoscenza e ricerca del mondo reale.

È favorita un’interpretazione libera e personale dei temi proposti che sono strutturati per educare all’osservazione e rielaborazione dei fenomeni visivi interpretati oltre la mera copia del reale.

Gli argomenti su cui sviluppare il lavoro tridimensionale vengono spiegati attraverso esempi visivi e soluzioni formali tratti dalla Storia dell’Arte Antica, Moderna e Contemporanea incoraggiando negli studenti progettazioni  originali ed autonome.

 

Elaborazioni verbali, discussioni, opinioni sul lavoro svolto sono promosse all’interno delle lezioni sviluppando gli interventi critici di ogni allievo.